Senza Paura!!!


Questo vuole essere soprattutto un sentito omaggio ad un gruppo di ragazzi con i quali (chi più chi meno) ho condiviso grandi giornate. Ma vuole essere anche un modo di ricordare come in un contesto particolare alcuni ragazzi hanno in qualche modo lasciato il segno, dando i natali di questo sport nella nostra penisola.
Mi ci metto anch'io, non perché abbia a livello nazionale ottenuto mai particolari risultati, ma perché con tutte le inimmaginabili difficoltà con cui ho praticato questa disciplina, posso affermare che io c'ero e nel mio piccolo ho lasciato il segno. Non ero potente ma la tecnica c’era tutta. E poi ragazzi....questo è il mio sito e mi piazzo dove mi pare.

Non di tutti ho materiale e notizie complete. Quindi se in questa lista ci sei anche tu....scrivimi e mandami materiale sarei ben lieto di pubblicarlo. L'ordine dei nomi e puramente legato alla mia memoria, e legati a quelle che erano le categorie più vicine alla mia.

Paolo Marzolla

Paolo Dabbeni

Stefano Migliorni

Marco Cecchi

Io sono di Roma, e qui vorrei dedicare uno "Special thanks" a tutti i miei amici che con me hanno condiviso questa passione, che con me sono andati in giro per la città con la pala sulla spalla o che hanno fatto viaggi memorabili a bordo di una Panda 45 o di un treno di terza classe. Qui mi necessita una piccola distinzione, da Perugia in giù il BMX ha sempre faticato più che in qualsiasi altra parte d'Italia, e per poterci allenare avevamo solo quello che la città ci poteva mettere a disposizione: ville, parchi e zone dismesse. La prima pista che venne realizzata era a Sette Ville (primo Trofeo Bianchi Topolino), poi rielaborata in un'altra area, chi ci ha corso sa che era l'esatta antitesi di un tracciato di BMX. Poi anni di purgatorio, fino a quando la Federazione realizzo un mini tracciato in zona Foro Italico, la favola è durata però solo un paio di stagione scarse. In fine dopo lunghe lotte siamo riusciti a realizzare un tracciato in zona Cesano 20 KM circa da Roma, che per sua sfortuna nacque all'inizio della crisi che segnò negli anni 89/90 la quasi estinzione di questo sport.

Questo mio dilungarmi in noiosi ricordi, vuole essere in realtà di incitamento a tutti coloro che credono in quel che fanno, e vuole essere di sprono per non mollare mai.

Io sono tornato e farò di tutto per divulgare questo meraviglioso sport, che mi è rimasto nel sangue.

Roberto Da Costa

Mauro Marìca

Giovanni Lencioni

Luca Lucchese

Antonio Lazzarini

Ma di grandi (e forse più grandi di quelli citati) che hanno affolato le domeniche nel segno del BMX ce ne sono stati tantissimi: Montanaro, Dal Ponte, Resega, Pagani, i fratelli Papi, Radaelli, Turci, Bonanomi, Ravalli e ancora tanti alri.


info line...